ENTRA E VOTA PER IL CONCORSO

LUGLIO-SETTEMBRE 2017

HAI ANCORA TEMPO PER VOTARE FINO A FINE OTTOBRE!

CLICCA QUI

PRENOTATI PER IL NUOVO CONCORSO

NOVEMBRE-DICEMBRE 2017

CLICCA QUI

 
artantis art1.png
Joseph Kamga Galleria - aggiornata
Parigi : Joseph Kamga

 

Joseph Desire Kamga, nato il 16-08-72 in Camerun, artista e spirito libero. Ha vissuto a Parigi, dove si sta laureando in chimica e tecnologie farmaceutica, con una tesi sui poteri curativi delle piante: ritiene di possedere come il nonno, antiche doti percettive, capaci di cogliere l’energia benefica o malefica dei vegetali.
Ma dopo la laurea non farà il farmacista, perché ama troppo l’arte,come il padre.
Joseph dipinge; crea sculture e installazioni, costruisce gioielli, compone poesie, e sta scrivendo un romanzo autobiografico. Come omaggio al padre scomparso, firma tutti i suoi lavori con il nome del padre:Kamga Silvestre.
In questo periodo, molte delle sue opere si possono ammirare al rifuggio Monte Rua di Padova, l’ultima ora al Palazzo Pretorio di castro caro Terme, eseguita in occasione dell’estemporanea curata dai critici d’arte di Avvenire adriana e gian luigi Zuccini, nell’ambito del progetto Palmezzano, seguita in diversi comuni bolognesi una mostra itinerante fino a settembre .
Joseph, ormail noto al pubblico televisivo, ha esposto in collettive e personali, in Italia, Francia, nel Camerun e negli Stati Uniti.
Difficile inserire la sua arte in una sola corrente, perché nel suo stile inconfondibile ed originale si fondono e si combinano, come in un puzzle, elementi del paesaggio e cosmici, ricordi della sua terra e immagini dell’occidente, visione surreali, oniriche e incantante che affiorano dal profondo dell’inconscio. Usa le tonalità forti e salde della sua Africa, con pennellate d’oro, giungendo fino al violetto per forme sferiche, simili a bulbi oculari, a corpi celesti o a bacche di arbusti. Si serve di colori a olio e acrilici di creta di gesso e sabbia, di conchiglie, perle, sassolini, e piccoli oggetti suggestivi. Disegna capanne Africane, chiese, ponti di speranza, alberi e acque tranquilli a significare la continuità, labirinti di strade, montagne simili alla montagna sacra nelle credenze animiste che nascondeva il cranio degli antenati e le frontiere del territorio che un giorno sarebbe stato suo.
Lancia messaggi di fede e di pace, con una simbologia sacra di croci, di triangoli, di occhi di dio, di mani guinte di colombe. Se gli chiedete a quale religione appartenga, vi risponde che crede in Dio. Un dio più immanente che trascende, con note animiste, rappresentato con occhi che scrutano dalle rocce dagli alberi e dal cielo, quasi a dare il senso dell’infinito. “ Grazie Dio” ha scritto in un quadro. E' una religiosità profonda, quella di Joseph. Quando in Italia ha sentito bestemmiare, è rimasto sconvolto, perché la bestemmia è estranea alla sua cultura originaria. Cosi non capisce la nostra fretta nelle cerimonie liturgiche che in Camerun durano ore. La tranquillità è per lui è pazienza, perseveranza, forza, coraggio, saggezza, gioia, pace. Per questo dipinge di notte , quando la città tace.
E' solito accompagnare ogni tela con una poesia che durante le sue mostre, i visitatori incuriositi ricopiano..........




Ultimo aggiornamento pagina : 2010-04-23 21:26:20 Visite : 10864
Ultimo aggiornamento galleria : 2010-04-23 21:26:20
    please wait...

    Write a comment about this page



    Powered by UHP2 1.7
    © Copyright 2006-2009 Ravenswood IT Services