ENTRA E VOTA PER IL CONCORSO

LUGLIO-SETTEMBRE 2017

CLICCA QUI

PRENOTATI PER IL NUOVO CONCORSO

OTTOBRE-DICEMBRE 2017

CLICCA QUI

 
artantis art1.png
daleea sito - aggiornato
Parma : Elisabetta Fontana

 Elisabetta Fontana nasce nel'65 a Parma, città dove vive e crea. La passione per l'arte e la pittura la accompagnano fino dalla giovane età. Autodidatta, nel tempo sviluppa il suo innato senso artistico e lo impiega anche nella professione di consulente per l'immagine e nail artist di successo.
Nel 2008 diventa socia del Laboratorio di Belle Arti Eos di Parma, e del Circolo Culturale B.Brecht d Milano.
Per Elisabetta la pittura è un prolungamento del sé, un'esigenza interiore e vitale di esprimere la propria essenza.
Con la pittura essa riesce ad esprimere in modo coerente sentimenti, stati d'animo, emozioni che l'attraversano. E'una profonda e sentita esigenza personale che accompagna la sua esistenza, senza mai abbandonarla. E'analisi incoscia del vissuto personale, rielaborazione ed occasione di crescita.
Lei stessa definisce la pittura come "un bene prezioso" che va"protetto" e profondamente "suo".
Dopo due decenni di intensa attività artistica, mai mostrata al pubblico, nel 2006 Elisabetta sente l'esigenza di "comunicare"più profondamente con sè stessa, manifestando il suo mondo emozionale: conosce l'irrinunciabile ed irresistibile piacere di lavorare coi materiali fondendoli coi colori.
Ne esce un connubio forte, a volte quasi aggressivo in un atto di ribellione interiore e creativo di azzeramento totale da schemi accademici precostituiti, regole e canoni. Inizia così un periodo nuovo di espansione artistica, di rielaborazioni materiche ed interiori che la porteranno a far uscire le sue creazioni allo scoperto ed ad esporle finalmente in pubblico. Una parte importante e molto profonda si manifesta sulle sue tele in attimi materici, unici ed imprescindibili dai suoi complessi ed affascinanti percorsi d'anima.
Le sue opere attualmente sono esposte in collezioni pubbliche e private.

Espone in Italia, Europa,Giappone e Usa

Alcune esposizioni:

MOSTRE 2009

TOSCANA ART FEST 2009

Gennaio 2009 - Gennaio 2010

Euro Hotel di Cascina (Pisa)

Crystal Palace Hotel di Montecatini Terme (Pistoia)

Hotel Vedute di Fucecchio (Firenze)

ARTE ITALIANA A FUKUOKA JAPAN

Ottobre - Centro Italiano a Fuokoka

Japan

COLLETTIVA - IL RUMORE DEL LUTTO

Ottobre/Novembre - CCIAA di Parma

Patrocinio Comune di Parma

COLLETTIVA - ASTRAZIONI DAL MONOCROMO AL COLORE

Otobre/Novembre - Margutta Design Jewelry

Roma

COLLETTIVA - LUCE COLORE ANIMA - con presentazione Libro Luce Colore Anima

Ottobre/Novembre - Ex Chiesa di S.Vitale

Cremona

COLLETTIVA - SOQQUADRO FACTORY

Ottobre - Vista Arte e Comunicazione

Roma - Zona Colosseo

COLLETTIVA - ORO E ARGENTO

Ottobre - Spazio d'Arte L'Altrove

Ferrara

PERSONALE - FRAMMENTI DI VITA

Ottobre - Galleria d'Arte Moderna "Alba"

Ferrara

EXHIBITION - TRENDS & CHALLENGES 2009

Settembre - Villla Ferlaro - Sala Baganza

Parma

PERSONALE - ATTIMI MATERICI

Settembre - Palazzo Comunale di Moniga del Garda

Patrocinio Comune di Moniga Del Garda - Brescia

ART JUICE 2009

Contemporary Artists 2009

London

TOUR ART FAIR 2009

Genova-Forlì - Brescia - Padova

Reggio Emilia

MINIPERSONALE - ARTTIME

Giugno/Luglio - Galleria Arttime

Lignano Sabbiadoro

COLLETTIVA - TROFEO ARTISTA DELL'ANNO 2009

Giugno/Luglio/Agosto - Hotel Miramare e New Bristol

Cesenatico

COLLETTIVA - PERDERSI NEI LABIRINTI DELL'ASTRAZIONE

Giugno - Galleria Rosso Cinabro

Roma

COLLETTIVA - WORKING OUT PROGRESS

Giugno - Vista Arte & Comunicazione - Colosseo

Roma

COLLETTIVA - ARTE E(')POTERE

Giugno - Sala degli Imbarcaderi

Castello Estense - Ferrara

Patrocinio Comune di Ferrara

COLLETTIVA - ROSSO D'ARTE

Giugno - Chiesa delgi Almadiani

Roms

COLLETTIVA - UN SEGNO NEL TEMPO

Maggio/Giugno - Galleria La Spadarina

Piacenza

COLLETTIVA - EXPO ARTE

Maggio - Galleria Atelier Gustave

Montparnasse - Parigi

COLLETTIVA - PASSION OF MIND

Aprile - Galleria Rosso Cinabro

Roma

COLLETTIVA - ASTRAZIONE

Aprile - Vista Arte & Comunicazione - Colosseo

Roma

COLLETTIVA - ARTE,AMBIENTE,AGRICOLTURA

Aprile - Rocca dei Rossi - S.Secondo

Parma

FIERA ARTE INTERNAZIONALE 2009

Aprile - Novegro Milano

COLLETTIVA - LE DONNE NELL'ARTE...

Marzo - Cesenatico

COLLETTIVA - MONOCROMIE,ASSENZA-ESSENZA DEL COLORE

Febbraio - Galleria La Pergola -

Firenze

PERSONALE - INTIMA-MENTE

Gennaio 2009 - Circolo Castellazzo

Parma

 

TOUR A GRAN CANARIA

Gennaio - Vilaflor - Las Palams de Gran Canaria

A cura di Gerard Argelier

TOUR NIZZA -

Gennaio - Cultura de la Marie de Nizza

A cura di Marie Vecchiarelli

COLLETTIVA - MUSICA E PENNELLI

Gennaio - Roma - Trittico Arte Contemporanea

A cura di Art in the World

 

COLLETTIVA - PREMIO LE 5 TERRE

Gennaio/Febbraio - Grand Hotel di Portovenere

Portovenere - Le Cinque Terre

COLLETTIVA - "PROGETTO ARTE 2008-2009

Gennaio - Galleria Centro Storico

Firenze

 




MOSTRE 2008

TOUR NIZZA - Cultura de la Marie de Nizza
TOUR A GRAN CANARIA - Candelaria – Guimar - Puerto de la Cruz - Santa Cruz de Tenerife
PROGETTO ARTE 2008-2009 - Galleria Centro Storico - Firenze
PREMIO LE 5 TERRE - Grand Hotel di Portovenere - Le Cinque Terre
IMMAGINA – ARTE IN FIERA 2008 - Mostra Arte Contemporanea - Reggio Emilia
ARTE PADOVA FIERA 2008 - Mostra Arte Contemporanea - Padova
ARTISTE DE MONTMARTRE - Gallerie Le Patio - Mandeleieu - Cannes
LA FORZA DEL COLORE - Galleria Rosso Cinabro - Roma
MATRIX : Nuova Astrazione in Italia - Torre Ennagonale - Santo Stefano al Mare (IM)
DIPINGERE L'IMMENSO - Castello di Belgioioso - Pavia
Libreria Archivi del '900 - Milano
ATMOSFERE, FORME E COLORI - Sala Imbriani - Borgo Val Di Taro
MOSTRA PERMANENTE - Giò -Art - Galleria Giò Art - Lucca
NOTTE BIANCA - VITERBO
CORCAGNANO A COLORI - Sala Polivalente Circolo Arci - Corcagnano - Parma
5° BIENNALE 2008 BERGAMO - Comitato Ecologico di Osio Sotto Bergamo
FUORISTAGIONE 2008 - Circolo Culturale B.Brecht - Milano
FORME E COLORE IN MOVIMENTO - Autosalone Autoclub - Parma
PERLA DEL TIRRENO -Accademia delle Muse - Viareggio (LU)
LA SPADARINA - Galleria d'arte La Spadarina - Piacenza
RASSEGNA INTERNAZIONALE DI PITTURA ROSSO D'ARTE - Viterbo


MOSTRE 2007

17 Mostra Internazionale - - DLF di Prato

MOSTRE 2006

PERSONALE - I COLORI DELL'ANIMA - Parma

BIBLIOGRAFIA
2006 - Elisabetta Fontana - raccolta opere (dipinti e poesie) dal 2000 al 2006 - Volume di 40 pagine
2007 - Elisabetta Fontana - Il colore delll'Anima
Testi : G.Nieri (critico d'arte)
2008 - Elisabetta Fontana - Il Viaggio Interiore nell'Anima
Tesrti di : F.Bianchi (critico d'arte)
E.Cicchetti (pittrice e critico d'arte)
2008 - Quotidiano Gazzetta di Parma
2008 - Quotidiano La Nazione di Piacenza
2008 - Quotidiano La libertà di Piacenza
2008 - Quotidiano La Nazione di Viareggio
2008 - Quotidiano Il Giorno di Milano
2008 - Quotidiano L'Eco di Bergamo
2008 - Boè - Periodico Bimestrale d'arte e Cultura
2008 - International Catalogue of Contemporary Arts
2008 - Dionysos art
2008 - Art&Art
2008 - Elisabetta Fontana - INTIMA-MENTE
Testi di: Fabio Bianchi (critico d'arte)
Federica Soncini (giornalista e critico d'arte)
2009 - Elisabetta Fontana - INTIMA-MENTE - Volume di 60 pagine
Testi di : Fabio Bianchi (critico d'arte)
Federica Soncini (giornalista e critico d'arte)
Sabrina Falzone (storico e critco d'arte)
2009 - Quotidiano Gazzetta di Parma
2009 - Boè - Periodico Bimestrale d'Arte e Cultura
2009 - Echi D'arte - Bimestrale Arte e Cultura

2009 - Arte - Mensile di arte e cultura

Premi
2007 - Prato - Premio segnalazione della Giuria
2008 - Viterbo - Premio Speciale segnalazione della Giuria
2008 - Viareggio - 1 ° Premio Perla del Tirrenno - 4° ex equo premio Speciale della Giuria "F.Adami"
2008 - Osio di Sotto - Premio Medaglione d'Oro della Giuria
2008 - Cannes - 1° Prix International Artiste de Montmartre
2008 – Portovenere - 1° Premio le Cinque Terre “Speciale Astrazione”
2008 - Firenze - Premio “Oscar della Cultura 2008”
2009 - Alessandria - 1° Premio San Giuseppe 2009
2009 - Alessandria - Premio Speciale della Critica 2009

ALCUNI TESTI CRITICI:

Si può scegliere di essere pittori nella realtà, fedeli imitatori della natura o autentici cantori dell’anima.

Si tratta in ogni caso di una scelta coraggiosa,di una ricerca di profondità, di un’insopprimibile esigenza di spiritualità.

Elisabetta Fontana ha scelto di fare della pittura la proiezione del suo cammino interiore.

Nella materia informe, nel colore puro lei è in grado di trasferire tutta la forza che sgorga dal vortice creativo, riuscendo così a dare forma alle emozioni, consistenza plastica e sostanza visibile all’incorporeo.

I suoi quadri sono involucri dell’anima spalancati alla vita, rivelati al mondo; sono sogni danzanti, speranze incrollabili, attese infinite; sono il tempo e la sua negazione, sono l’attimo e l’eternità, sono la fatica e al contempo l’immensa gioia che guidano la mano all’immane sforzo di solcare la tela, di affrontare il demone della pittura.

Non è facile dominare la materia pittorica così con tanta abilità e destrezza, anche se perizia tecnica  e destrezza formale sono entrambi risultati raggiungibili con studio e pazienza.

 Ma quello che invece nessuna accademia e nessun maestro potrà mai insegnare è di riuscire a far vivere ogni quadro di vita propria, dotandolo di una sua “personalità”.

Questo l’artista Fontana sembra averlo bel chiaro: le sue tele sono come creature che lei accudisce lungamente, nutre e fortifica, fin quando, ormai temprate e sicure, esse vengono finalmente affidate al mondo e donate alla vita.

E nel colore talora sfumato in infinite varianti, talaltra steso nella sua essenza più pura, la Fontana raggiunge il pieno dell’intensità lirica, alternando su vaste superfici corpose, riflettenti, “lunari”, nuclei di materia implosa e vivaci “eruzioni” cromatiche

 

Dott.ssa Daniela Pronesti

(critico d’Arte)

L’UNIVERSO MATERICO DI ELISABETTA FONTANA

 

La pittrice parmigiana Elisabetta Fontana da anni coltiva il suo sogno, indefessamente e testardamente, sempre con grande rigore, lontano da qualsiasi luccicante sirena di una contemporaneità sempre più ambigua quando non dichiaratamente fasulla. L’arte per Fontana non è un reality televisivo ma una summa dell’esperienza quotidiana, un concentrato unico e perciò tanto più sincero di emozioni e stati d’animo come testimonia l’ultima sua produzione, Intima-mente, interessanti composizioni a carattere informale pazientemente eseguite con tecniche miste. Fontana in questa fase della sua carriera ondeggia ma sempre con grande sensibilità tra Informale ed Arte Povera, due movimenti epocali rispettivamente nell’Europa degli anni ’50 e ’60 e nell’Italia degli anni ’60 e ’70 e che lasciarono impronte indelebili nel dibattito e nella pratica successivi. Di entrambi Fontana recepisce i postulati ultimi, da un lato il romantico senso di abbandono e di rifiuto verso una società sempre più opulenta e tecnocratica tipico dell’Informale, dall’altro l’utilizzo di materiali particolari – terra, sabbie, resine … - propri dell’Arte povera ma sapientemente ricondotti in ambito Informale, alla levigatezza di olio ed acrilico su tela. E proprio qui sta un primo punto di originalità di Fontana: intuito che l’Informale non è mai stato un movimento codificato ma piuttosto una diffusa mentalità pseudoartistica, un substrato linguistico e culturale emerso in varie parti non solo del vecchio continente per esprimere un senso di disagio, Fontana ha trasposto tutto quel carico di sensazioni verso l’Arte Povera, tendenza italiana in toto, anzi a tutt’oggi l’unica originale del panorama artistico europeo del Novecento dopo l’irraggiungibile Futurismo. L’Arte Povera ha coltivato molto in Italia negli anni ’60, forse troppo, raccolto poco però nei decenni successivi sempre in Italia spesso per colpa di letture critiche alquanto limitative ma in prospettiva ha lasciato tanto al punto che molti artisti ancora oggi non disdegnano di confrontarsi con quelle luminose intuizioni. Nelle opere recenti di Fontana raccolte in Intima-mente - di certo non il punto di arrivo nell’ormai ultraventennale carriera ma più che altro di approfondimento in vista di successive elaborazioni - colpisce quel mix di sincronia e diacronia, di attualità e storia, di semplificazione formale ma anche di aggregazione visiva. Fontana riflette pensieri ed aspirazioni sedimentate da tempo e che trovano traduzione in opere in cui la realizzazione si fonde con la ricerca di segni ma anche di vaste campiture cromatiche che intendono rappresentare la metafisica del quotidiano evidente in Io e te in coppia. Le opere risentono in trasparenza di una natura letteraria che in alcuni passaggi le proietta in un universo superiore o perlomeno le avvicina ad un respiro non mitico ma quasi per cui è necessario un tempo lungo di analisi e decifrazione come ne I giardini sospesi nell’anima. Ma sono anche qualcosa di mobile, di immanente che si trasforma incessantemente attraverso la materia condizionando così la memoria per restituirci identità segrete all’apparenza magari dimenticate come in Sulle tracce dei ricordi. Il gesto creativo stravolge riconoscibilità e realismo optando per una fabulazione non fantastica ma comunque in bilico tra astrazione e figurazione (Terra rossa, terra nera). Alcune composizioni di Fontana si presentano come uno spaccato estremamente attuale di contraddizioni sociali talora laceranti ma anche come un suggestivo viaggio nei recessi dell’anima alla ricerca di un’altra dimensione non solo della nostra vita ma anche del nostro sistema culturale (Attesa). Alla chiarezza didattica sostituisce un vivace magma cromatico (Terra), all’evidenza razionale subentra l’allusione, al metodo collaudato un antimetodo e fino dove possibile un’antimateria (Assenza) e tutto ciò per dimostrare come l’arte ancora oggi – nonostante precisione tecnologica ed esasperazione informatica – sia approccio non omologato, anticonvenzionale grazie anche all’utilizzo di materiale artigianale, popolare e talora decorativo in grado tra l’altro di aderire - non perfettamente ma quasi - ad una visione post-moderna richiesta da più parti. L’approccio di Fontana inoltre contiene, latenti, anche alcuni caratteri propri di quell’arte femminista molto vivace soprattutto negli anni ‘70 senza tuttavia nessuna vistosa provocazione anzi sottolineandone pacatamente il risvolto emotivo nell’esaltazione, sottile ed elegante, di una sentita partecipazione estetica (Intima-mente). Difficile oggi per qualunque artista riprendere certi automatismi psichici caratteristici della ecriture automatique quando, memori del Surrealismo, molti artisti trasferirono sulla tela impulsi e sensazioni istintive guidati solo dal rigore dell’intuito e dalla concentrazione creativa. Ma le opere di Fontana non sono soggetti sfuggiti alla coscienza o sfogo passionale, tutt’altro: diventano nuova frontiera espressiva e per alcuni aspetti conoscitiva valida sia nell’ambito del soggetto che nell’estensione oggettiva.

Fabio Bianchi

Critico d'arte   

 



Ultimo aggiornamento pagina : 2009-11-05 23:39:54 Visite : 6114
Ultimo aggiornamento galleria : 2009-11-05 23:39:54
    please wait...

    Write a comment about this page



    Powered by UHP2 1.7
    © Copyright 2006-2009 Ravenswood IT Services